ottobre 23, 2016 Ivana 0Comment

Nettare degli dei e alimento di cui l’uomo si nutre da tempo, grazie alla produttività delle api che lo ottengono dal nettare dei fiori. Ce ne sono di tantissimi tipi: dal miele di acacia più comune al rarissimo miele di rododendro delicato e armonioso; dal miele di castagno raccomandato nei casi di cattiva circolazione a quello di girasole usato per abbassare la febbre.

Conosciamo meglio le proprietà di questo potentissimo farmaco naturale.

  1. Elevato potere energetico: il miele è costituito quasi esclusivamente da zuccheri semplici (glucosio e fruttosio) ma, al tempo stesso, contiene meno calorie dello zucchero. Contiene acqua e altre sostmieleanze particolarmente utili all’organismo come vitamine, sali minerali e antibiotici naturali.
  2. Antisettico e antibatterico: il miele, grazie all’acqua ossigenata prodotta naturalmente, è un potente antibatterico naturale. Il potere cicatrizzante è inoltre favorito dallo zucchero, che asciuga la piaga, e da un insieme di composti organici che stimola la secrezione di elementi pre cicatrizzanti, apportando così notevoli benefici alle ustioni e alle ferite.
  3. Facile digeribilità: se preso prima dei pasti, il miele svolge un’azione depurativa e calmante dello stomaco. Dopo aver mangiato, aiuta a digerire. Per questo motivo rappresenta una valida alternativa allo zucchero per chi soffre di disturbi gastrici.
  4. Ideale per la colazione: dato il suo alto contenuto zuccherino permette di utilizzare meno prodotto per ottenere il giusto apporto dolcificante. La scelta tra le diverse tipologie di miele esistenti in natura consente di utilizzare sempre un miele diverso gustando nuovi sapori e consentendo a ciascuno di scegliere la sua varietà preferita.
  5. Proprietà terapeutiche: fin dall’antichità considerato medicamento nella cura delle vie respiratorie e digerenti (usato ad esempio come sedativo per la tosse o contro la stitichezza). Nell’alimentazione dello sportivo si utilizza sia prima sia dopo uno sforzo fisico, perché fortifica i muscoli e favorisce il recupero muscolare. È utile anche per chi svolge attività mentali, perché fa bene al cervello e al sistema nervoso, essendo in grado di controllare e aiutare l’efficienza mentale. Fra le innumerevoli proprietà terapeutiche è in grado di proteggere l’organismo dall’azione svolta dai radicali liberi per l’alto contenuto di antiossidanti naturali.
  6. Antitumorale: studi clinici dimostrano che il miele è in grado di stimolare il sistema immunitario. In particolare alcuni tipi, come il miele di zafferano, contengono un’elevata quantità di nutraceutici che aumentano l’efficacia della chemioterapia.
  7. Valore storico: conosciuto già nell’antico Egitto come cibo di lusso e prerogativa divina, nel corso dei secoli aumenta l’interesse per l’apicoltura. E così il miele viene trattato da personaggi noti come il filosofo Aristotele, i poeti Omero e Virgilio e Pitagora che lo descrive come un elisir di lunga vita. Dalla sua fermentazione veniva prodotto l’idromele, bevanda popolare durante tutto il Medioevo.

La tipica espressione “luna di miele” nasce appunto dalla particolare bevanda dal nome idromele (composta da acqua, miele e lievito). Per il mese successivo alle nozze il suocero forniva al genero l’idromele che si pensava favorisse la fertilità e l’arrivo del primo figlio maschio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *